Google+ Followers

mercredi 13 septembre 2017

Vacanze di sogno in Italia



Per delle vacanze da sogno e super lusso ecco le destinazioni a cinque stelle in Italia.



Secondo la classifica KAYAK, al primo posto si trova  Gardone Riviera sul Lago di Garda, che vanta oltre il 9% di alberghi a cinque stelle.



Tra le numerose proposte di KAYAK.it da non perdere Villa Eden Luxury Resort, incastonato in un ampio uliveto.




E’ particolarmente apprezzato anche per il ristorante con terrazza panoramica




 e per il centro benessere interno. 

Sul secondo gradino del podio sale Abano Terme, dove gli hotel a cinque stelle sono il 7,5%.





In terza posizione c'è Capri con il 5,5%.





Tra le strutture da sogno dell’isola spicca il Capri Tiberio Palace, boutique hotel nei pressi della Piazzetta che sorge in un edificio del XIX secolo. L’albergo stupisce per le camere di design, l’hammam e la terrazza con vista.







L‘isola del golfo di Napoli è solo una delle molte meraviglie della Campania che attraggono i turisti del lusso : Positano, in quarta posizione, Ischia e Sorrento, rispettivamente al sesto e settimo posto.

Taormina, in quinta posizione, è portavoce dello charme siciliano.






 Venezia e Firenze chiudono la classifica.

Nella classifica generale della top 10 dei viaggiatori che spendono di più per scegliere vacanza in strutture di lusso spiccano i danesi, seguiti dagli austriaci e dai turisti degli Emirati Arabi, del Messico e degli Stati Uniti.
Gli italiani disposti a spendere sono al sesto posto.


vendredi 11 août 2017

La bella città di Intra sul Lago Maggiore


La graziosissima città di Intra, che insieme a Pallanza, Suna e altre più piccole frazioni, costituisce il Comune di Verbania, divenuto capoluogo di provincia nel 1992, si affaccia sulle acque del Golfo Borromeo.
Vivace centro turistico, dotato di strutture ricettive e servizi, Intra (intra flumina) deve il suo nome alla sua stretta collocazione tra i due torrenti San Bernardino e San Giovanni. 

Borgo di origine medievale, Intra conserva ancora oggi alcune tracce delle proprie origini lungo le sue principali vie come la via San Vittore, che che dal lungolago porta alla omonima chiesa (con dipinti del XV e XVI secolo), via San Fabiano che conduce a Piazza Castello o Vicolo del Freschetto che porta alla bella Piazza San Rocco.
Oggi Intra offre ai turisti un affascinante centro storico con palazzi dagli evidenti segni barocchi e neoclassici lasciati da un'antica ed evoluta borghesia: Palazzo Peretti lungo via De Bonis, il più sontuoso, con le finestre decorate da cornici in pietra e stucco, i portali di granito lavorato, i balconcini in pietra e le ringhiere di ferro battuto; la caratteristica piazza Ranzoni, cuore commerciale e centro vitale della città, in cui spicca l'ottocentesco Palazzo delle Beccherie; Palazzo del Pretorio, originario del XIV secolo, sede del municipio intrese fino al 1939 e ornato da una grande meridiana dipinta sulla facciata nel 1868.

Passeggiando per Intra, poi, è davvero piacevole fermarsi in un elegante caffè, curiosare tra le innumerevoli vetrine che fiancheggiano le vie del centro o rilassarsi sul lungolago


Sul lungolago, appunto, si possono ammirare: il vecchio Porto, caratterizzato al suo ingresso da una imponente colonna in granito di Montorfano, il vecchio Imbarcadero, suggestiva costruzione di fine Ottocento, Palazzo Flaim, ex casa del Fascio poi dedicata alla memoria del comandante partigiano, e il nuovo porto, punto di partenza per delle destinazioni italiane o svizzere del Lago Maggiore.


Luogo di arte e natura l’intero territorio del Lago Maggiore vanta numerosi musei; in questi luoghi si racconta la storia e la cultura di un territorio “vivo”, profondamente legato alle proprie tradizioni.

A Verbania il Museo del Paesaggio offre le sue collezioni di pittura paesaggistica, scultura, devozione popolare e archeologia. 


A Santa Maria Maggiore, nella Valle dei pittori, la storica Pinacoteca “Rossetti Valentini” raccoglie una collezione di opere appartenenti ai grandi artisti locali. 

A Ghiffa il Museo del Cappello espone la storia del glamour italiano mentre a Gignese è possibile visitare il Museo dell’ombrello.

Sul Lago d’Orta sorgono il Museo del design e il Museo del Rubinetto, situato a San Maurizio d’Opaglio. 

Nelle valli, invece, la montagna e le sue tradizioni diventano protagoniste in numerosi musei; ne sono esempio il Museo della Montagna di Macugnaga o il Museo del legno in Val Strona, sopra il Lago d’Orta.
In tutti i musei, oltre alle esposizioni permanenti, vengono proposte numerose mostre che spaziano dalle arti minori alla scultura e alla pittura.

lundi 26 juin 2017

La grande bellezza delle modelle di John William Godward



Girl in yellow Drapery

Dolce far niente 1904

John William Godward fu il pittore della bellezza classica, delle splendide fanciulle in pose graziose, dei decori classici con dettagli romantici, del marmo, dei paesaggi, dei fiori e degli animali  riprodotti in modo sublime.


Days of the Sappho

John William Godward (Wimbledon, 9 agosto 1861 – Londra, 13 dicembre 1922) è stato un pittore inglese, operante nella fase finale del periodo preraffaelita/neoclassico.

Autoportrait de John William Godward

Nato e cresciuto a Wilton Grove, nei pressi di Wimbledon, John William Godward iniziò ad esporre alla Royal Academy nel 1887
Nel 1912, innamoratosi di una sua modella italiana, partì per l'Italia e visse sette anni a Roma dove grazie alla sua passione per l'antichità classica strinse una grande amicizia  con Roberto e Augusto Bompiani.
Tornato in Inghilterra nel 1919, si suicidò,con un forno a gas, tre anni dopo all'età di 61 anni.
È sepolto a Londra.
Tutta la sua vita fu contrassegnata dai dissapori familiari. 
La sua famiglia, che già avevano osteggiato la sua scelta di diventare artista, interruppe ogni rapporto con lui quando se ne andò con la sua modella. 

Alla sua morte, poi,indignata e vergognosa dell'accaduto distrusse tutte le sue immagini: a quanto risulta non è rimasta di lui neppure una fotografia.

 
The Tamburine


A study for Campaspe 1895


Contemplation 1903
Summer Flowers 1903

Artisticamente Godward era seguace delle teorie di Lord Frederic Leighton
Ma il suo stile era più vicino a Sir Laurence Alma-Tadema, con cui condivideva una forte passione per l'architettura classica, e soprattutto per le strutture marmoree. 

A Souvenir 1920

Nella maggior parte delle sue opere, sempre sontuose, sono rappresentate donne in abbigliamento classico, nude o seminude, posanti su sfondi  decorativi, spesso su un terrazzo di marmo.
I titoli delle sue opere riflettono la fonte della sua ispirazione: la civiltà classica, in particolare quella dell'antica Roma (attestante la sua vicinanza artistica a Sir Laurence Alma-Tadema), ma anche – talvolta – quella greca, a testimonianza dei suoi, seppur più limitati, legami con Lord Frederic Leighton.



Sir Laurence Alma-Tadema che, oltre che pittore, era anche archeologo, si recava sui siti storici e collezionava reperti, utilizzati poi nei suoi dipinti: anche Godward studiava minuziosamente l'architettura e l'abbigliamento classico per fornire alle proprie opere il marchio dell'autenticità. 
Inoltre, nei propri quadri egli riproduceva scrupolosamente altri particolari, quali pelli d'animali  o fiori selvatici.
La bellezza delle modelle in pose studiate, la ricerca dei dettagli  e la vivacità di colori della sua tavolozza,possono far pensare ai Preraffaelliti. 

Fiabellifera 

Tuttavia, la scelta dei suoi soggetti,spesso legati alla civiltà classica, tradisce la sua appartenenza alla tendenza, comune a tanti pittori del periodo, del Neoclassicismo vittoriano appunto, che rende omaggio all'antichità riproducendo immagini di un mondo ideale e romantico tanto da far parlare d'una visione del mondo da «vittoriano togato», come venne rinfacciato, sia a Godward che a Sir Laurence Alma-Tadema. 

Una delle sue opere più note è Dolce far niente (1904). 

Come in molti altri casi, Godward dipinse diverse varianti di questo quadro, la prima delle quali  risale al 1897.


dimanche 25 juin 2017

Un capolavoro preraffaellita, Flaming June, di Frederic Lord Leighton




Titolo del dipinto : Flaming June . 
Dimensioni 120,6 X 120,6.
Rappresenta una donna semisdraiata e addormentata, abito e capelli fiammanti, su uno sfondo che si intuisce mediterraneo. 
Per essere il dipinto più famoso di Lord Frederic Leighton (1830-1896) non fece tanto scalpore, quando venne esibito alla Royal Academy nel 1895. 
Venne venduto per 1.154 sterline ma subito dimenticato, tanto da venire ritrovato, molto più tardi, seminascosto nel cantiere di una casa in ristrutturazione.
Nel 1963 venne comprato per 2.000 sterline da Luis Ferré, un uomo d’affari di Porto Rico, e poi installato nel museo da lui stesso fondato, a Ponce, Portorico.
In aprile 2017, poco fa, questo straordinario dipinto è tornato a Londra ed esposto nell'abitazione in cui venne creato, la Leighton House, residenza inglese dell'autore trasformata in museo.



Frederic Lord Leighton (Scarborough, 3 dicembre 1830 – Londra, 25 gennaio 1896) è stato uno scultore e pittore inglese all'epoca dei preraffaelliti.

Le sue opere a soggetto storico, biblico e mitologico sono tra gli esempi più raffinati di arte vittoriana.

Studiò all'University College School di Londra, prima di partire per l'Europa continentale in viaggio di studio.

Tra i maestri giovanili di Frederic Leighton, ci furono Edward von Steinle e Giovanni Costa presso cui, a Firenze, venne introdotto all'Accademia di Belle Arti.

Tra le sue opere del tempo, è famosa la processione della Madonna del Cimabue attraverso Borgo Allegri.

Durante la maturità Frederic Leighton visse ed operò prima a Parigi (dal 1855 al 1859) e poi a Londra (dal 1860 fino alla morte).

Tra i pittori che conobbe Frederic Leighton e che influenzarono la sua arte, vanno annoverati Jean Auguste Dominique Ingres, Eugène Delacroix, Jean-Baptiste Camille Corot e Jean-François Millet.

A Londra, dopo essere entrato a far parte dei preraffaelliti, progettò la tomba di Elizabeth Barrett Browning, moglie del poeta Robert Browning e, nel 1864, divenne membro della Royal Academy, per poi diventarne presidente nel 1878.

Venne dichiarato cavaliere a Windsor nel 1878 e poi baronetto nel 1896 e morì senza eredi, un giorno dopo l'ufficializzazione della sua nomina a baronetto.

La sua casa a Holland Park è ora il Leighton House Museum e ospita una vasta selezione di disegni e dipinti.

Per gli italiani l'organizzazione delle vacanze non è per niente uno stress !!



Come organizzarsi e cosa mettere in valigia, i due punti principali per una vacanza riuscita.


Organizzare le vacanze è meno stressante di quanto si creda. 
Almeno stando ai dati di una ricerca promossa dalla piattaforma di viaggi momondo.it
Con il sondaggio dell’International Travel Survey è infatti emerso che gli italiani, insieme a tedeschi, svizzeri e spagnoli sono la popolazione meno stressata dalla fase organizzativa delle ferie. 
Sono state intervistate sulle abitudini di viaggi 24.700 persone in 23 paesi diversi. Per quel che riguarda l’Italia gli intervistati sono stati 1009 di età, sesso e provenienza geografica diversi.


Clizia L’Abbate, Head of Markets di momondo, afferma che la destinazione turistica più popolare tra gli italiani è New York.  

Il dato è stato rilevato dalle ricerche effettuate sul sito per le partenze tra il 1° giugno e il 31 agosto 2017. 

Seguono Bangkok, Barcellona, Londra e Los Angeles. Da non sottovalutare Shanghai che, sebbene non sia entrata per quest’anno nella top 5, ha registrato a sorpresa una crescita nelle ricerche del 139%.  

In genere la pianificazione delle ferie da parte degli italiani incomincia molti mesi prima. Già dall’inizio della stagione primaverile. 

Si parla dunque di 2-3 mesi di anticipo. 

E’ emerso anche che oltre la metà degli italiani, il 54%, ha un budget dedicato alle vacanze. 

Quindi la pianificazione dell’ultimo minuto non è un’opzione troppo usata. 


I consigli di momondo.it  per pianificare perfettamente le vacanze

Per pianificare un viaggio senza stress momondo prodiga dei buonissimi consigli :
Pianificare in anticipo volo e hotel
Il segreto è prenotare i voli 56 giorni in anticipo. 

Molti hotel offrono sconti sui soggiorni anticipati.
Creare una lista
Fare la lista delle cose da portare in vacanza è assolutamente necessario e permette di evitare il panico della preparazione last minute. Infatti spesso si mettono cose inutili in valigia e si dimenticano le fondamentali.

Evitare l’arrivo in aeroporto all’ultimo minuto
Meglio arrivare con un certo anticipo al gate di partenza per evitare di iniziare subito con gli intoppi. Partire rilassati è il modo giusto per far andare bene una vacanza

Evitare una fitta pianificazione
Non si può avere la forza di visitare tutto. Non è un obbligo. Troppe sono le attrazioni tra musei, monumenti, ristoranti. Meglio accontentarsi del minimo indispensabile per riuscire a godersi una vacanza rilassante.

Staccare la spina
Da fare assolutamente : concedersi almeno un’ora al giorno di totale relax senza supporti tecnologici è un toccasana. 


Per fare perfettamente una valigia ho trovato un blog troppo bello e simpatico : www.viachesiva.it
Ci si trova consigli, foto, e sopratutto, utilissime,  le liste delle cose indispensabili da mettere in valigia, con disegnini veramente carini !
Valigia, beatycase, pronto soccorso...c'è assolutamente tutto ! 
 


Per saperne di più sulla modella Bianca Brandolini D'Adda, l'aristocratica della moda


L’aristocrazia della giovane socialite di sangue blu Bianca Brandolini D'Adda è sopratutto nella sua semplice eleganza, nella sua solarità innata che le permette di stare perfettamente a suo agio sia agli eventi più eleganti del jet set internazionale sia in vacanza con le amiche, sia sul red carpet o in un esclusivo night club parigino come durante uno shopping sfrenato in tenuta da it-girl.
In materia di stile Bianca Brandolini d'Adda non sbaglia mai,il suo stile impeccabile è sempre in sintonia all'occasione in cui è sfoggiato.

 

La sua scheda :

Nome : Bianca Brandolini d'Adda

Data e luogo di nascita : nata il 25 giugno 1987 a Parigi

Segno zodiacale : cancro

Segni particolari : longilinea, sorriso luminoso su un viso dai tratti latini, occhi scuri, capelli lunghi e lisci, che tiene spesso sciolti, di colore castano chiaro.

Altezza 1.80

Il dettaglio in più : aristocratica!


Sua madre è la principessa franco-brasiliana Georgina de Faucigny-Lucinge et Coligny, il padre il conte Tiberto Ruy Brandolini d’Adda. 

Ha una sorella più grande di nome Cornelia, detta Coco. 
La nonna, Cristiana Agnelli, è la sorella del mitico avvocato Gianni Agnelli.
Cresce tra Parigi e Rio de Janeiro.. 
A Parigi si iscrive all’Istituto Superiore di Studi Cinematografici e poi a un corso di teatro al Pygmalion Studio.
Nel 2005 fa il suo debutto in società a "Le Bal des Débutantes " all’Hôtel de Crillon di Parigi, accompagnata da Antoine de Tavernost. 
Per l’occasione indossava un abito bianco e nero della maison Valentino. 
Fu scelta per aprire le danze insieme al Principe Charles Philippe, Duca di Anjou.

Il suo sogno nel cassetto si divide tra il desiderio di diventare attrice e essere stilista.


Di sicuro c'è che quando si tratta di moda e haute couture, Bianca Brandolini d’Adda non manca mai a un evento, un vernissage, una fashion week.
Nonostante le sue origini altolocate, alla soglia dei trent’anni si è già costruita una bella carriera .
Modella, attrice e creatrice designer, in Brasile ha disegnato una linea di costumi da bagno per Osklen.
Al cinema ha recitato una particina nel film per la tv Ti amo troppo per dirtelo, mentre nel cortometraggio The Innovators  (la regia di Carmen Chaplin, nipote di Charlie Chaplin) interpreta il ruolo del capo di una missione che torna nel passato a bordo di una macchina del tempo per cambiare il corso delle cose nel futuro. 
Nel film Aïcha, diretto dall’algerina Yamina Benguigui, è una cattolica convertita all’Islam.
Recentemente Bianca ha realizzato insieme a Eugenie Niarchos una capsule collection per festeggiare i 50 anni della Maison Azzaro
Nel 2008, sempre per Azzaro, le due socialite realizzarono una collezione di bijoux.

È una vera fashion icon e nel mondo della moda si dice che non sbagli un colpo.

Grazie anche alla sua eleganza innata e al buon gusto (ereditato da mamma Georgina, che fu musa e collaboratrice dello stilista Valentino), la bella modella appare perfetta in ogni circostanza.

È amata dagli stilisti, tanto che è stata la musa di Sergio Rossi, di Cartier, dello stilista Giambattista Valli e da sempre è una delle modelle preferite di Dolce e Gabbana.


Il suo look prediletto è semplicissimo :  skinny jeans, T-shirt tinta unita e cardigan.
Si dichiara assolutamente lontana dal total look, preferisce mescolare pezzi di marca e non, per creare outfit sempre differenti e attuali. 



Adora gli abiti vintage.
A proposito di scarpe ha dichiarato «Sono fissata con le scarpe, mi piacciono superflat, non amo i tacchi. Sono perfette con i vestiti lunghi: ti senti vestita, ma sei anche comoda per ballare».


Della sua dieta dice: «Non ho un’alimentazione molto sana, mi sforzo di mangiare pesce, ma preferisco la pasta o la carne con le patate. Adoro il junk food, e visto che spesso negli aeroporti c’è un McDonald’s, prima di un viaggio lungo mi trovate lì. Naturalmente ogni volta prometto a me stessa che non lo farò mai più, ma la volta dopo ci ricasco».

Con lo sport in compenso se la cava molto meglio.
Scoperta la barre au sol, una disciplina che lavora sulla postura e sugli allungamenti, non riesce più a farne a meno.
Adora tutti gli sport: in vacanza passa dallo sci invernale allo sci d’acqua, nuota e va in canoa, fa paddle boarding.
Ha provato il kite surfing, «Ma sono un disastro e ho lasciato perdere», dice.
Quando è a Rio de Janeiro, corre spesso sulla spiaggia di Ipanema.

Per due anni e mezzo e qualche  "prendi e lascia" Bianca Brandolini d’Adda e Lapo Elkann, cugino di terzo grado, hanno fatto coppia fissa.


Si sono innamorati nel 2008, lasciati nel 2009, ripresi nel 2010, fra feste,  yacht,  jet privati e ville da sogno.



Dopo la rottura con Lapo Elkann non si è saputo più nulla sul fronte amoroso.

La bella Bianca è stata vista a Saint Moritz in compagnia di Arun Nayar, il tycoon indiano fresco di divorzio da Liz Hurley, in una vacanza a Mykonos  con un misterioso uomo e con tante amiche in vacanza per il mondo.