Google+ Followers

vendredi 22 novembre 2013

Il Piave, un vero formaggio bellunese.





l nome del formaggio "Piave" deriva dall'omonimo fiume la cui sorgente si trova sul monte Peralba in Val Visdende, nel territorio del Comelico, la parte più settentrionale della provincia di Belluno. 
Un percorso tortuoso porta il Piave verso il fondovalle, dapprima nel Cadore e poi nella conca bellunese, tra Belluno e Feltre, dove il fiume scorre più lento fino ad incontrare la pianura ai piedi delle Prealpi Venete in provincia di Treviso. 

Nessun nome meglio di "Piave" potrebbe dunque identificare il più importante formaggio bellunese, nato da un'antica tradizione lattiero casearia.

Esistono 3 tipologie del Piave DOP che si differenziano per la durata della stagionatura: 
il "Fresco" dura dai 20 ai 60 giorni, 
 il "Mezzano" dai 61 ai 120 giorni e 
il "Vecchio" oltre i 120 giorni. 
Le materie prime impiegate ed il processo di caseificazione e maturazione impiegati ne determinano il profilo organolettico e nutrizionale. 
In particolare la materia prima è rappresentata sicuramente dal latte, prodotto nel territorio bellunese, dove la razza bovina preponderante è rappresentata dalla Bruna, piuttosto rustica e solida, adatta ad un ambiente impervio come quello di montagna e versatile nelle sue prestazioni, ossia in grado di soddisfare sia i fabbisogni di latte sia quelli di carne della popolazione agricola.

Formaggio Piave


Nella cucina povera della montagna bellunese, il formaggio Piave rappresenta, oggi come per il passato, l'espressione di una tradizione fatta di sapore e genuinità. 

Da consumare senza moderazione come formaggio da tavola, o aggiunto a pezzetti in un’insalata di rucola. 
Ma per gustarlo alla bellunese, bisogna friggerlo e accompagnarlo con polenta e crauti. 
Molto apprezzato anche quello stagionato, da grattuggiare per arricchire di gusto le pietanze.


Per il sapore e le caratteristiche della pasta a dieci/dodici mesi di stagionatura il Piave è molto apprezzato anche come formaggio da grattugia, per arricchire di gusto i piatti tipici della cucina nazionale.

Aucun commentaire: