Google+ Followers

dimanche 26 octobre 2014

Oriana Fallaci, la biografia che non ha mai scritto..

 

Un nuovo libro  edito da Rizzoli arricchito di una raccolta di foto e di dichiarazioni della mitica scrittrice e giornalista.


L'infanzia sotto il fascismo, la famiglia, gli scatti al fronte, gli incontri con i divi di Hollywood e con i grandi della storia, la vita della scrittrice è stata intensa ma lei non ha mai voluto scrivere una biografia.

 

"I sette peccati di Hollywood, Il sesso inutile, Penelope alla guerra, Gli antipatici": quattro libri nel giro di appena sei anni. 

Questi titoli segnano delle tappe fondamentali nella vita di uno scrittore che ha sempre guardato al giornalismo con gratitudine, ma considerandolo soltanto una tappa della sua evoluzione professionale e personale.

 

 

Al successo, però, si accompagnano le inevitabili gelosie. 

Nell’ambiente giornalistico Oriana è nota come la «Strega di piazza Carlo Erba», la sede milanese dell’Europeo, ma lei non dà peso a queste voci, anzi le considera un attestato di stima.

 

samedi 18 octobre 2014

Le mete preferite dei giovani emigranti italiani.




Non si ferma la grande fuga degli italiani che si trasferiscono all'estero per lavoro. 

Secondo l'Aire (l'ufficio del ministero degli Interni che registra i trasferimenti dei cittadini in altre nazioni), anche nel 2013 i flussi in uscita sono aumentati del 19 per cento, un dato che fa seguito all'incremento del 30 per cento comunicato nel 2012. 
Questo significa che in soli due anni, gli italiani che hanno varcato i confini sono cresciuti del 55 per cento: erano 61mila nel 2011 e ora sfiorano i 100mila.

Ma il dato più clamoroso del 2013 riguarda i giovani e l'Inghilterra. 

Sempre l'anno scorso, nella fascia di età compresa tra i 20 e i 40 anni è stato dell'71 per cento (mentre complessivamente è stato dell'81%). 


A rivelarlo è stata la trasmissione di Radio24 "Giovani Talenti" che si è procurata i dati ufficiali dell'Aire per il 2013. Con una prevalenza della fascia 20-30 anni (4.531 espatriati) su quella dei 30-40 anni (4.136).

Ma il dato complessivo potrebbe essere ancora più clamoroso se si considera che, secondo gli esperti di flussi migratori, soltanto un italiano su due di solito comunica il suo trasferimento all'estero al Ministero.

I dati rivelano che gli italianis considerano l'Europa come casa loro. 

Anche nel 2013, le nazioni del Vecchio Continente sono state la meta preferita di chi si è trasferito.


La Gran Bretagna rimane saldamente al primo posto (12.904 espatri), seguita dalla Germania (11.713), Svizzera (10.300), Francia (8.342) e Argentina (7.496), il primo dei paesi non europei. 
Da segnalare, la crescita dei paesi dalle economie emergenti: nella classifica delle destinazioni, il Brasile ha raggiunto il sesto posto e ha superato gli Stati Uniti, ora settimi.

A preoccupare i nostri governanti, é il fatto che il fenomeno riguarda in modo più significativo i giovani. 

L'incremento della fascia dei 20-40 anni è stato del 28,4 per cento, quindi nettamente superiore alla media. In dato che si conferma, in questo caso, visto che anche nel 2012, la crescita era stata del 28,3 per cento.

 






jeudi 16 octobre 2014

Sport per le celeb..Heidi, Gisèle, Madonna, Gwyneth e altre bellezze



Gwyneth Paltrow

Dallo yoga ai pilates, passando per il running, ecco come si allenano le star.

 Gisele Bündchen nella foto postata su Instagram: “I believe that when we have a clear focus and work hard, we can achieve everything we want. Thank you @UnderArmourWomen for having me as part of this inspiring campaign. #IWILLWHATIWANT


Heidi Klum in una foto su Instagram: “Pull yourself up to the next level with #HKNB” 


La modella canadese Kate Bock in una foto su Twitter: “Perfect ass kicking Pilates this am at @flexstudiosnyc #bookedbyburnthis @burnthis ”


La modella australiana Miranda Kerr durante una sessione di yoga a Tokyo



 
Elsa Pataky



Karlie Kloss durante una lezione di yoga. Su Instagram ha postato la foto e ha scritto: “One last workout before my flight!” #fitnessfriday #strongbodystrongmind 



Il fitness è moda, é lifestyle !
Ormai un’abitudine quotidiana, o meglio uno stile di vita per molti, ma soprattutto per le star, che per piacere o per ossessione, o per non perdere la linea perfetta, sudano ...

Che si cimentano senza alcuno sforzo – con una naturalezza che solo un bravo attore può esibire – in varie performance, come jogging e running (qui l’elenco sarebbe lunghissimo, ma citiamo almeno Gwyneth Paltrow, Sean Penn e Jennifer Lopez), yoga & Pilates (Miranda Kerr, Jared Leto, Karlie Kloss e Naomi Watts), e poi golf (da Hugh Grant a Mark Wahlberg) tanto per andare sul classico, ma anche nuove declinazioni sportive, come Flyboard e kitesurf, rispettivamente esercitate da Leonardo DiCaprio e Woody Harrelson.
La pioniera di questo sentire comune tra star è senza dubbio l’attrice statunitense Jane Fonda, classe 1937, talmente addicted di aerobica da farne una seconda, fortunatissima professione
Al punto che dal 1982 a oggi ha prodotto e pubblicato una ventina di DVD (originariamente erano videocassette, per chi se le ricorda) che hanno ispirato milioni di donne di tutto il mondo. 

Che con tutina di Lycra, scaldamuscoli e fascia in fronte approntavano una palestra tra il divano e il televisore nella speranza di rassodare/dimagrire/tonificare e diventare snelle e muscolose come l’attrice. 

E lei, che oggi ha quasi 77 anni, sostiene ancora che il fitness è ciò che la rende felice. Sarà merito delle endorfine prodotte con tutti quegli esercizi?
 
E poi c’è Madonna, pilastro dello star system internazionale e allo stesso tempo grande sostenitrice della preparazione atletica ad alto, anzi altissimo livello. 
Il suo legame con il fitnes è fortissimo, basta essere stati almeno una volta a un suo concerto: da anni si allena ogni giorno, sette giorni su sette, per almeno 3 ore. 


Al punto che ha fondato l’Hard Candy Fitness, una serie di Fitness Club di superlusso sparsi in tutto il mondo. In Europa, il primo è nato a Roma, proprio davanti al Colosseo e si sviluppa per 1.200 metri quadrati suddivisi in tre livelli. 

Con tanto di cinque sale di lusso: una per i pesi, una per le attività in sospensione anti-gravity, una per lo spinning e una per la dance floor dei concerti della pop star. 
Qui, si può anche sperimentare la sua filosofia fitness, con i programmi di allenamento che hanno per slogan Harder is better
E qui, si può provare in esclusiva una lezione “Addicted to Sweat”, il programma di allenamento che Madonna svolge tutti i giorni. 

C’è persino l’app  dedicata: si chiama Hard Candy Fitness Roma, per i fitness addicted a 5 stelle…





mercredi 15 octobre 2014

La città ideale esiste?






Navigando su Repubblica.it ho trovato un'articolo intitolato "La città ideale esiste". 
Il titolo mi ha subito incuriosita. Il tema della città ideale, diventato un'idea fissa del Rinascimento italiano, é abbinato al concetto di utopia.

Niente utopia, la città ideale, per passare delle vacanze perfette in Italia, esiste..o meglio, esisterà.

Il testo é tratto da un articolo scritto dalla giornalista Clotilde de Veltri. Parla di una città perfetta dotata di una cultura enogastronomica, storica, artistica, ricca e varia. 
Un luogo dove i taxi non si fanno aspettare, i servizi pubblici sono efficienti, dove bambini e adulti hanno spazi di gioco e d’incontro adeguati . E in cui il silenzio e la natura sono rispettati.

L’insieme di tutte queste qualità  contribuirebbe  a creare una maggiore affluenza turistica, in cerca di nuove proposizioni.
Per questo la città ideale dovrebbe innanzi tutto saper promuovere la sua ricchezza culturale in tutto il mondo, in Italia e all’estero, migliorando la competitività nei servizi offerti ai turisti.

Dovrebbe dunque utilizzare gli scambi fra l’estero e l’Italia per trovare il buon sistema,  come preconizza il sito web « turistiprotagonisti.it » lanciato dalla Presidenza del Consiglio italiano, destinato agli italiani che di ritorno dalle loro vacanze all’estero possono raccontare le loro esperienze.

Queste testimonianze dovrebbero servire a una migliore efficienza nel campo dei servizi turistici. 
Nella riflessione sui provvedimenti da prendere per raggiungere l’ideale spiccano il bisogno di migliorare l’efficienza e la puntualità dei trasporti urbani e dei taxi, di avere delle forze dell’ordine parlando l’inglese, un’offerta alberghiera con prezzi convenienti e all’insegna dell’onestà e dell’igiene.

Per non parlare della creazione di svaghi culturali interessanti per adulti e per bambini, della valorizzazione della storia e del patrimonio e della tutela della natura. E sopratutto di prezzi meno cari.




Il turismo é un fenomeno che coinvolge milioni di persone e viene considerato da ciascuno come un elemento importante nell’esistenza di una persona.
Il turismo é dunque un settore che rappresenta una grande risorsa nell’economia italiana.



Gli italiani raccontano le vacanze all'estero su un sito della Presidenza del Consiglio

"Efficienza, pulizia, rispetto: le qualità che vorremmo nel nostro Paese" 

Turismo, ecco la città ideale:servizi berlinesi e prezzi spagnoli di CLOTILDE VELTRI

<B>Turismo, ecco la città ideale:<br>servizi berlinesi e prezzi spagnoli</B> "La città ideale" attribuita a Piero della Francesca"

LA CITTA' ideale esiste. E' un luogo gradevole per tutti e non solo per pochi. Dove i taxi non si fanno aspettare, un po' "come accade in Francia o in Austria", la natura è rispettata come a Mauritius, i servizi pubblici efficienti - perché considerati patrimonio comune - come in Germania. Un luogo dove il silenzio è ancora un bene prezioso e non un lusso - "come in alcuni paesini del Peloponneso" -, dove i bambini hanno spazi per giocare - "che meraviglia l'Argentina" - e gli adulti spazi per incontrarsi sapendo i figli al sicuro.

 La città ideale è quella che emerge dal sito turistiprotagonisti.it, iniziativa web lanciata dalla Presidenza del consiglio, rivolta agli italiani che hanno trascorso le vacanze all'estero e che, di ritorno, possono raccontare la propria esperienza. L'idea del governo è quella di farne tesoro, trasformando le segnalazioni virtuali in concreta efficienza italiana.
Ora per un popolo di santi, poeti e navigatori viaggiare e raccontare le proprie avventure è naturale. Ma, a ben guardare, le centinaia di interventi raccolti dal sito in pochi giorni sembrano essere non tanto il classico sintomo esterofilo, quanto piuttosto - e paradossalmente - quello di un amore per il proprio paese. Che si vorrebbe migliore o almeno capace di confronti alla pari con le nazioni che si sono visitate.
Per esempio Luca offre un decalogo preciso di come si potrebbero migliorare i servizi ai turisti: "Dalle forze dell'ordine che dovrebbero parlare almeno inglese per aiutare i visitatori nelle controversie, alla riorganizzazione su scala nazionale del sistema di pagamento e di emissione dei biglietti dei mezzi pubblici, dal numero verde con task force di supporto delle controversie fiscali e di sicurezza alla destinazione ai ciclisti delle preferenziali per gli autobus fino alla tolleranza zero per le auto in doppia fila". Utopia?


Franco è appena stato in Francia, viaggio che ha organizzato richiedendo le informazioni via email agli uffici turistici d'oltralpe. Pronta ed efficace la risposta.
Elda in Austria ha scoperto il valore della "destagionalizzazione" dell'offerta: in inverno si scia, in estate la montagna è trasformata in un grande parco dove si organizzano meravigliose escursioni: un paradiso del turismo all'aria aperta.

E le località balneari? C'è chi, come Pierluigi, in Dalmazia ha trovato un'altissima qualità alberghiera e spiaggette molto ben organizzate: mare pulito, litorali puliti, il tutto a prezzi convenienti.
L'ordine non è solo tipico della vecchia Europa. In Thailandia - che qualcuno vorrebbe terzo mondo - Arturo ha scoperto l'efficienza dei trasporti urbani, una linea della metropolitana - a Bangkok - con vetture puntuali e confortevoli. Niente sfregi, sui vetri o sui sedili e soprattutto un sistema di biglietteria che taglia fuori i furbi. Difetti che, sottolinea sempre Arturo, a Roma sono la normalità.

Poi c'è il capitolo bambini che assilla molte famiglie spesso costrette a rinunciare alla partenza per località turistiche italiane proprio perchè i servizi non sono adeguati. O sono troppo costosi. "Siamo una famiglia con tre bambini. - scrive Eleonora -. All'estero riusciamo a trovare molte spiagge libere che permettono quindi ai bimbi di avere spazi di gioco. I bambini pagano decisamente meno la vacanza e in particolare i musei sono quasi sempre gratuiti per loro, così molte più famiglie vanno a visitarli! Inoltre, l'orario di apertura di chiese e monumenti è spesso più favorevole".

Il problema dei costi è onnipresente nelle denunce dei turisti italiani che scoprono, all'estero, un mondo fatto di ragionevolezza e a prova di fregatura. Racconta Stefano: "Negli ultimi quattro anni siamo stati in Grecia, Spagna e Portogallo. Paesi che hanno da offrire almeno quanto l'Italia dal punto di vista culturale, gastronomico, naturalistico, con la differenza che non ti siedi in un ristorante con la paura di essere spennato, che dormi ottimamente con 50 euro per una doppia, che puoi prendere un taxi senza il terrore di dover litigare per il prezzo esoso richiesto".

E poi, insiste, meno cari risultano "la benzina, i prodotti da bar, le sigarette, l'ingresso nei musei, i bus. Tutti i paesi offrono servizi per tutte le tasche: puoi scegliere e sai cosa prendi per quello che paghi. In Spagna esistono i 5 stelle, ma esistono anche gli ostelli e se sei giovane puoi dormire veramente con poco". 
Persino gli Stati Uniti appaiono meno insidiosi e, soprattutto, meno cari. Fabio ha appena realizzato il più classico dei coast to coast: "Le strade sono ottime. L'autonoleggio costa la metà (o anche meno) che in Italia. La benzina costa meno della metà. I voli interni costano pochissimo. In città i taxi sono numerosi e a prezzi abbordabili (in Italia il taxi non è una possibilita', se paghi coi tuoi soldi). Alberghi e motel sono molto più confortevoli che in Italia e costano la meta'. I ristoranti non cercano di fregarti ma servono buon cibo a prezzi modici". E così via.
Per non parlare dell'annoso problema dei taxi sul quale - sarà anche per le recenti polemiche e proteste tutte italiane - battono il chiodo i narratori del web. Tra tutti vale la pena citare Katia che, a Città del Messico, ha utilizzato con grande soddisfazione un biglietto prepagato.

Non sfugge poi al turista italiano il confronto tra la tutela paesaggistica degli altri e la cementificazione nostrana, la capacità di valorizzare storia, monumenti e tradizioni degli altri e la scarsa attenzione dedicata al patrimonio artistico dal Belpaese.
Esterofilia esasperata? L'italiano ne ha sempre sofferto, ma dai racconti di questi fortunati turisti, in controluce, si legge soprattutto il disagio di non poter godere delle stesse opportunità nel proprio Paese. Dove, più d'uno, dice di voler trascorrere le vacanze ma di averci rinunciato per "i motivi di cui sopra". Peccato.