Google+ Followers

mardi 7 mars 2017

Ricordo un quadro di Ugo Flumiani, pittore triestino

 

Per me il nome di Flumiani ha un profumo d'infanzia, di adolescenza. 

Una marina di Flumiani è la nostalgia di un quadro con una marina al tramonto, una barca a vela, dei colori particolari. Una cornice dorata.

Questo quadro aveva uno stile fresco e sensibile, mi piaceva per il contrasto cromatico, per  l'impressionissmo nordico abbinato al rigore  della scuola veneziana.

Era un quadro che mi faceva pensare a Trieste, la città dell'antico impero austroungarico, una città dall'atmosfera nostalgica, moderna e antica nello stesso tempo, triste e spensierata.. 

La città della bora, quel vento violentissimo che spazza via tutto, la città del Carso e del mare Adriatico...

Ci penso con un po' di tristezza e tanta dolcezza. 

Era un quadro di famiglia,che ci ha accompagnato per anni, nelle diverse dimore e che ricordo benissimo sulle pareti di un soggiorno, di un' entrata, di un angolo del bureau

Claudio H. Martelli su Flumiani scrive:  "Studiò all' Accademia di Venezia con il Ciardi e poi in quella di Bologna compiendovi studi di architettura e decorazione. Fu successivamente a Monaco

Tornato a Trieste si dedicò con entusiasmo alla pittura mettendosi in luce per la sua capacità di fondere l'impressionismo nordico con la pittura di scuola veneziana. Non poco contribuì alla sua formazione l'amicizia con il Veruda dal quale assimilò il brillante senso del colore. 

Dopo un inizio incerto seppe imporsi all'attenzione e divenne artista tra i più noti ed ammirati per la capacità di rendere in modo fresco e genuino la pittura di paesaggio che lo vide tra i maggiori del suo tempo. 

Fu pittore tecnicamente assai preparato e sensibile nel rendere in modo magistrale colore e atmosfere naturali e specialmente marine."
 

Molto più a lungo scrive Salvatore Sibilia nella sua "Pittori e scultori di Trieste."

Ugo Flumiani : Trieste 1876 - 1938

 Nasce a Trieste nel 1876. Studia all’Accademia di Venezia con Guglielmo Ciardi, segue poi corsi di architettura e di decorazione all’Accademia di Bologna. 

Si reca quindi a Monaco di Baviera. Tornato a Trieste, stringe amicizia con Umberto Veruda (1868-1904) dal quale assimila il brillante senso del colore.

Flumiani ottiene fama e successo con la sua pittura di paesaggio, con le sue marine, con le immagini della laguna, del Carso e delle montagne del Cadore, raggiungendo validi effetti di luce solare e magistrali atmosfere naturali. 

Espone alle principali mostre italiane e tiene diverse personali. Partecipa all’Internazionale di Venezia nel 1899, nel 1909 (Ora d’oro), nel 1910 (Lo specchio, Canto d’Autunno e Farfalle), e successivamente nel 1924 (Riflessi e Fortunale). 

Alla Quadriennale di Torino espone nel 1923 e nel 1927. Ugo Flumiani muore a Trieste nel 1938.


Testi: Alessandra Conti



© Studio d’Arte dell’800

Aucun commentaire: