Google+ Followers

lundi 30 mai 2016

Trieste e la flotta civile al tempo dell'impero Austro-Ungarico


La bella Trieste ! 
Una città che amo moltissimo, una città in cui ho radici sentimentali e culturali.

Una città che ha un fascino particolare, un'atmosfera sveviana, un aspetto mitteleuropeo con le sue facciate neoclassiche, le cupole insolite e certi caffé "asburgici"...

Cercando delle informazioni su questa città dal passato ricco e tormentato ho scoperto un sito veramente interessante  www.nuovolitorale.org.

Ed ecco il risultato 

L’Austro–Americana era una grande e famosa Società di navigazione con sede a Trieste, quando questa era il principale porto dell’Impero Austro-Ungarico.
 

Venne fondata nel 1895 da Gottfried Schenker, August Schenker-Angerer e William Burell, spedizionieri e fondatori della Schenker Spedition (Spedizioni Schenker) con lo scopo di realizzare un collegamento marittimo per il trasporto delle merci tra l’Austria-Ungheria ed il Nord America.
  
 Le prime 4 navi della Società furono acquistate in Inghilterra.
 

I primi viaggi collegarono Trieste a Mobile, Brunswick, Charleston, Wilmington e Neuport News e, a seconda delle necessità, verso altri porti della costa orientale nordamericana.
 
Nel 1902 William Burell si ritirò dalla Società e la sua parte venne ceduta ai Fratelli Cosulich.
La famiglia Cosulich era originaria di Lussino, isola pertinente all'Istria. 

Uno dei suoi componenti, il capitano Antonio F. Cosulich fondò nel 1857 una Società di navigazione che nel 1889 si trasferì a Trieste. 
Qui Callisto Cosulich assunse la direzione della Società Cosulich.
 

Vennero acquisite 14 navi della Società Cosulich e nel 1903 la Società assunse la denominazione di „Vereinigte Österreichische Schiffahrtsgesellschaften der Austro-Americana und der Gebrüder Cosulich“ (Unione Austriaca di Navigazione dell’Austro Americana e dei Fratelli Cosulich - Società Anonima). 

Nel 1904 la flotta dell’Austro-Americana era costituita da 19 navi. 


In questo stesso anno, per la prima volta, vennero organizzati dei viaggi per il trasporto dei passeggeri (si trattava per lo più di emigranti che decidevano di partire per gli Stati Uniti d’America.
 

L’attivazione di queste linee marittime per il trasporto di passeggeri mise l’Austro-Americana in competizione con due formidabili concorrenti, il Norddeutscher Lloyd e la Hamburg-America-Linie che sino a quel momento avevano gestito il trasporto degli emigranti dai territori della Monarchia asburgica.


In questo periodo il traffico commerciale ebbe un’espansione mai vista in Austria


Dal 1906 l’Austro-Americana ottenne il diritto di trasportare anche gli emigranti, cittadini del Regno d’Italia, che partivano da Napoli e Palermo.

Nel 1907 venne attivato il servizio marittimo verso il Sudamerica. 


Nel 1908 a causa della difficile congiuntura economica, dovettero essere restituite 3 navi noleggiate dal Lloyd Austriaco e molte navi mercantili vennero poste in disarmo. 

Nel 1910 la Società ottenne l’incarico per il trasporto della corrispondenza sulle rotte del nord e sud dell’Atlantico. 

                                                                          Nave Kaiser Franz Josef 1°

Nello stesso periodo venne inaugurata, e sostenuta finanziariamente dallo Stato, la linea Trieste-Rio de Janeiro-Santos-Buenos Aires.

Il 9 settembre 1912 venne varata la nave Kaiser Franz Josef I dal Cantiere Navale Triestino con sede a Monfalcone. 

Erano presento l’Arciduchessa Maria Josepha, il Comandante della Marina da Guerra Ammiraglio Graf Rudolf Montecuccoli, numerosi alti dignitari, industriali, commercianti e lavoratori. 
Questa nave, di 12,567 t, una lunghezza di 152 m, una larghezza di 18,9 m., un pescaggio di 7,9 m. e una potenza di 12.800 CV era la più grande tra tutte le navi commerciali austriache e diventò la nave ammiraglia della Marina Mercantile Austro-Ungarica. 

La nave Kaiserin Elisabeth di 15.500 t. di stazza sarebbe stata ancora più grande ma la costruzione fu interrotta nel 1917 a causa della guerra.

Nel 1913, ultimo anno di pace, l’Austro-Americana importò merci per un ammontare di 939.912 quintali ed esportò 854.642 quintali di merce. 


Questo quantitativo era pari al 95 percento del traffico commerciale complessivo tra l’Austria-Ungheria e il Sudamerica.
 

All’inizio del 1914 le banche dell’impero austro ungarico acquistarono le quote di capitale in mano a Società di navigazione tedesche e così l’Austro-Americana rimase completamente in mani austriache.
 

Con lo scoppio della Prima Guerra Mondiale non fu più possibile percorrere le rotte internazionali.

L’Austro-Americana andò incontro ad un destino simile a quello del Lloyd Austriaco. 


Le navi che si trovavano nei porti stranieri o in navigazione al di fuori delle acque territoriali vennero catturate o affondate dagli Stati nemici. 

Un certo numero di navi venne requisito e destinato ad essere utilizzato come navi ospedale.
 

Delle 31 navi a vapore in possesso dell’Austro-Americana prima della guerra, ne rimasero soltanto dieci.
 

L’Austro-Americana (nota anche come Unione Austriaca di Navigazione) venne rinominata Unione di navigazione S.A.
 
La famiglia Cosulich, che ne faceva parte, acquisì la Società e dal marzo 1919 questa venne denominata Cosulich Società Triestina di Navigazione.
 

Dal 1932 al 1936 la Società prese il nome di Italia Flotte Riunite (Cosulich, Lloyd Sabaudo, Navigazione Generale Italiana).
 

In questo periodo erano attive delle linee passeggeri che univano Trieste con New York e il Sudamerica.
 

Le merci venivano nuovamente trasportate verso il Nord Centro e Sudamerica, similmente a quanto espletato dall’Austro-Americana.
 

Nuove difficoltà finanziarie portarono ad un ulteriore cambio di denominazione, infatti, nel 1937 venne assorbita dalla Società Italia.

BIBLIOGRAFIA
- Horst Friedrich Mayer, Dieter Winkler: „In allen Häfen war Österreich – Die Österreichisch-Ungarische Handelsmarine.“ Edition S, Verlag der Österreichischen Staatsdruckerei, Wien.

 

dimanche 22 mai 2016

Cannes 2016 : Pietro Germi torna al mitico Festival 50 anni dopo

 


Torna al Festival di  Cannes, 50 anni dopo, la versione restaurata di Signore & Signori, del regista italiano Pietro Germi, realizzata dal laboratorio "L’Immagine Ritrovata". E' stata presentata dalla Cineteca di Bologna, Istituto Luce – Cinecittà e DEAR International, sabato 14 maggio nell’ambito della sezione "Cannes Classics".









Nel 1966, al Festival di Cannes, trionfa la commedia corrosiva di Pietro Germi, Signore & Signori.
Ambientato in una riconoscibile, ma mai citata, Treviso, il film non risparmia una critica pungente alla nascente borghesia di provincia, agiata e annoiata con un ritratto dei vizi e delle virtù di un’Italia perbenista e piccolo borghese.



Virna Lisi è tra i protagonisti della graffiante commedia di Pietro GermiSignore & signori.  
Un affresco collettivo che, in tre episodi, racconta i molti vizi e le poche virtù di un’Italia perbenista e piccolo borghese.

Signore & Signori condivide il podio con il romantico dramma Un homme et une femme di Claude Lelouch


Un anno d’oro per il cinema italiano presente alla grande festa francese anche con L’armata Brancaleone di Mario Monicelli e Uccellacci e uccellini di Pier Paolo Pasolini, che farà avere al grande Totò una "Menzione speciale".

Tra le pellicole in concorso, la 19ª edizione del 1966 vede proiettate Il dottor Živago di David Lean, il Falstaff di Orson Welles e Operazione diabolica di John Frankenheimer, ma a conquistare il Grand Prix è la satira piccante di Signore & Signori, una finestra sulle ipocrisie di una certa borghesia provinciale italiana agiata e ipocrita.  


A dar vita alla giostra di personaggi premiata a Cannes da Sophia Loren, presidentessa della giuria, Germi chiama l'affascinante Virna Lisi, Gastone Moschin, Moira Orfei, Alberto Lionello, Franco Fabrizi, oltre ad affidare la sceneggiatura a Luciano Vincenzoni, Age & Scarpelli ed Ennio Flaiano. 

vendredi 20 mai 2016

Patty Pravo, l'eterna ragazza del Piper



Adoro Patty Pravo, le sue canzoni, il suo look, la sua presenza sul palcoscenico e la sua eterna giovinezza.


Il vero nome della cantante è Nicoletta Strambelli ed è tra gli artisti che hanno fatto la storia della musica italiana: le sue canzoni sono indemodabili.


La sua discografia le ha permesso di vendere 110 milioni di album, arrivando così a essere la seconda cantante donna con le maggiori vendite, dietro Mina, ed è fra i sei cantanti italiani che hanno venduto più di cento milioni di copie.

Tra i suoi record, c'è anche La bambola che ha venduto da "solo"40 milioni di copie. 


Ha pubblicato, finora, 28 album in tutto, tra cui 3 live, e ha partecipato 10 volte al Festival di Sanremo: nel 1970 con La spada nel cuore insieme a Little Tony, nel 1984 con Per una bambola, nel 1987 con Pigramente signora, nel 1990 con Donna con te, nel 1995 con I giorni dell'armonia, nel 1997 con ...E dimmi che non vuoi morire, nel 2002 con L'immenso, nel 2009 con E io verrò un giorno là, nel 2011 con Il vento e le rose, fino al 2016 in cui gareggia con Cieli immensi.

Tra i suoi grandissimi successi,: Ragazzo tristePazza idea e Pensiero stupendo, canzoni magnifiche, sia per la musica che per le parole.



La sua carriera è iniziata nel 1966, quando con Ragazzo triste è diventata la "Ragazza del Piper".
Subito è esplosa la "Patty Pravo mania", fino a quando, negli anni Ottanta, la cantante ha sentito la necessità di fare una pausa ed è partita per gli Stati Uniti.



Al suo ritorno in Italia i successi sono continuati.
E' anche partita  per un periodo in Cina e dopo questa esperienza ogni suo concerto ha registrato sold out. 


Nel 2012 è stata la protagonista della colonna sonora del film Com'è bello far l'amore e ha vinto il Golden Globe premio cinematografico assegnato dalla stampa estera.

Nello stesso anno ha raggiunto il successo con la canzone La luna. 


Nel 2016 festeggia il Cinquantennale della sua carriera.


jeudi 19 mai 2016

A Miami l'incredibile torre firmata Armani



A Miami sorgerà il Residences by Armani/Casa, una torre di 60 piani progettata da César Pelli , l'architetto argentino, con 308 appartamenti extra lusso arredati con il raffinato e unico stile del celebre creatore milanese.





L'interior della lobby gioca con linee curve e tonalità neutre per un'atmosfera ricercata  perfettamente in linea con l'eleganza firmata Giorgio Armani. 




Atmosfera ricercata per la sala del ristorante. 
La carta da parati Aida, verde azzurrata con disegni di palme, della collezione Armani/Casa Exclusive Wall Coverings Collection è semplicemente magnifica !

La tragique odyssée des 937 passagers juifs du Saint Louis





 Le capitane du Saint Louis Gustav Schroeder

Le 13 mai 1939, le Saint Louis, un paquebot transatlantique allemand, quittait le port de Hambourg en Allemagne pour rejoindre la Havane à Cuba. 

Il y avait à bord 937 passagers. 
Presque tous étaient des Juifs fuyant le Troisième Reich. 
La plupart étaient citoyens allemands, quelques-uns venaient d'Europe de l'Est et une minorité était officiellement "apatrides".
La majorité des passagers juifs avaient demandé des visas américains et ne projetaient de rester à Cuba que jusqu'à ce qu'ils puissent entrer aux États-Unis. 


Or au moment où le Saint Louis appareillait, les changements politiques à Cuba menaçaient d’empêcher les passagers d'y débarquer. 

Le département d'État à Washington, le consulat américain à la Havane, quelques organisations juives et des agences pour les réfugiés étaient tous conscients de la situation. Tragiquement, les passagers eux-mêmes ne l'étaient pas et la plupart d’entre eux allaient être renvoyés en Europe.
Depuis la "Nuit de cristal", le pogrom des 9 et 10 novembre 1938, les Nazis avaient essayé d'accélérer le rythme de l'émigration juive forcée. 


Le ministère allemand des Affaires étrangères et le ministère de la Propagande de Joseph Goebbels espéraient aussi utiliser le refus d'autres nations à accueillir les Juifs pour poursuivre plus avant les buts antisémites du régime.

Les propriétaires du Saint Louis, la Ligne Hambourg-Amérique, savaient avant même que le bateau ne prenne la mer que ses passagers risquaient d’avoir des difficultés à débarquer à Cuba. 
Mais les passagers, qui détenaient des certificats de débarquement émis par le directeur général cubain de l'Immigration, ignoraient que huit jours avant que le bateau n’appareille, le président cubain Federico Laredo Bru avait publié un décret invalidant tous les certificats de débarquement. 


L'entrée à Cuba exigeait l'autorisation écrite des secrétaires d'État et du Travail de Cuba et l'envoi par la poste d'un dépôt de garantie de 500 $. (dépôt qui n'était pas obligatoire lorsque les touristes étaient américains.)
Le périple du Saint Louis attira largement l'attention de la presse. 
Avant même que le bateau ne quitte le port de Hambourg, des journaux cubains pro-fascistes annonçaient son arrivée imminente et exigeaient qu’un terme soit mis à l'admission continue de réfugiés juifs. 
Quand les passagers du Saint Louis se virent interdire l'entrée à Cuba, la presse américaine et européenne rapporta l'histoire à des millions de lecteurs dans le monde entier. 


Bien que les journaux américains aient généralement dépeint la situation critique des passagers avec grande sympathie, seuls quelques-uns d’entre eux suggérèrent que les réfugiés soient admis en Amérique.
À leur insu, les passagers allaient devenir les victimes d’âpres luttes intestines entre les membres du gouvernement cubain. 

Le directeur général du bureau d'Immigration du pays, Manuel Benitez Gonzalez, était en effet l’objet de sérieuses critiques publiques en raison de la vente de certificats de débarquement. 

Il vendait d’habitude de tels documents pour 150 $ et qui plus est, selon des évaluations faites par les fonctionnaires américains, il aurait amassé une fortune personnelle de 500 000 à 1 000 000 de dollars. 
Bien qu'il fut un protégé du chef de l’état-major cubain (et futur président) Fulgencio Batista, Benitez avait, avec les profits qu'il avait accumulés, alimenté le ressentiment au sein du gouvernement cubain, ce qui mena finalement à sa démission.
Lorsque le Saint Louis arriva le 27 mai au port de la Havane, on ne permit qu’à 28 passagers de débarquer. Six d'entre eux n'étaient pas Juifs (4 espagnols et 2 ressortissants cubains). 
Les 22 autres avaient des documents d'entrée valides. Un passager supplémentaire se retrouva dans un hôpital de la Havane après une tentative de suicide.
Plus que l'argent, c’est la corruption et les conflits de pouvoir internes qui jouaient à Cuba

Le pays souffrait d’une dépression économique et beaucoup de Cubains n’appréciaient pas du tout le nombre relativement grand de réfugiés déjà admis à Cuba, au nombre desquels 2 500 Juifs, qui étaient perçus comme des concurrents pour les rares emplois.
L'hostilité envers les immigrants puisait ses sources dans l’antisémitisme et la xénophobie. 
L'animosité croissante était stimulée par les agents de l'Allemagne, tout autant que par des mouvements indigènes de droite, comme le parti nazi cubain. 

Plusieurs journaux de la Havane et des provinces exaspéraient ces sentiments en imprimant des allégations selon lesquelles les Juifs étaient tous communistes. 
Trois des journaux — le Diario de la Marina, Avance, et Alerta — appartenaient à l’influente famille Rivero, qui soutenait loyalement le dirigeant fasciste espagnol Francisco Franco.

Les nouvelles de la prochaine arrivée du Saint Louis déclenchèrent une grande manifestation antisémite à la Havane le 8 mai, cinq jours avant que le bateau quitte Hambourg. 
Ce rassemblement, la plus grande manifestation antisémite de l'histoire cubaine, était patronné par Grau San Martin, un ancien président. 

Le porte-parole de Grau, Primitivo Rodriguez, recommanda vivement aux Cubains "de lutter contre les Juifs jusqu'à ce que le dernier d’entre eux soit chassé ;". 
La manifestation attira 40 000 participants. 
Des milliers la suivirent à la radio.
Le 28 mai, le lendemain de l’arrivée du Saint Louis à la Havane, Lawrence Berenson, un avocat représentant le Joint Distribution Committee (JDC), une organisation caritative juive américaine, arrivait à Cuba pour mener des pourparlers en faveur des passagers du bateau. 

Berenson avait été le président de la Chambre de Commerce cubano-américaine et avait une vaste expérience des affaires de l'île. 
Il rencontra le Président Bru, qui avait refusé aux passagers le droit d’entrée dans le pays. 
Le 2 juin, Bru ordonna de chasser le bateau des eaux territoriales cubaines. 
Toutefois pendant que le Saint Louis se dirigeait lentement vers Miami, les négociations se poursuivaient. 

Bru offrit d'admettre des passagers si le JDC opérait un dépôt de 453 500 $ (soit 500 $ par passager). 

Berenson fit une contre-proposition, que Bru rejeta, puis rompit les négociations.
Le bateau naviguait si près de la Floride que les passagers pouvaient voir les lumières de Miami. 

Certains envoyèrent un câble au Président Franklin D. Roosevelt lui demandant de leur accorder l'asile. 

Le president américain Roosevelt ne leur répondit jamais. 
Le Département d'État et la Maison-Blanche avaient déjà décidé de ne pas les laisser entrer aux États-Unis. 

Un télégramme du département d'État envoyé à un passager déclarait que les passagers devaient "attendre leur tour sur la liste d'attente et remplir les conditions requises pour obtenir des visas d'immigration avant d’être admissibles aux États-Unis. 
Des diplomates américains à la Havane demandèrent au gouvernement cubain d'admettre les passagers sur une base "humanitaire".
Les quotas établis dans l'Acte d'immigration de 1924 limitaient strictement le nombre d’immigrants pouvant être admis chaque année par les États-Unis. 
En 1939, le quota pour l'immigration annuelle combinée pour l’Allemagne et l’Autriche était fixé à 27 370 et il fut rapidement atteint. 

En fait, il y avait une liste d'attente d'au moins plusieurs années. 


Le président Roosevelt aurait pu publier un décret présidentiel admettant des réfugiés supplémentaires, mais il ne souhaita pas le faire pour diverses raisons politiques.
L’opinion publique américaine, bien qu'apparemment compatissante vis-à-vis de la difficile situation des réfugiés et quoique critiquant la politique de Hitler, n’en soutenait pas moins les restrictions à l’immigration. 

La crise économique de 1929 avait laissé des millions d'Américains au chômage : on craignait toute compétition économique quant aux rares emplois disponibles. 

Ce fait alimenta aussi l'antisémitisme, la xénophobie, l'hostilité aux immigrants et l'isolationnisme. 
Un sondage de l’époque effectué par le Fortune Magazine indiquait que 83 pour cent des Américains étaient opposés à un allègement des restrictions à l'immigration.
Peu de politiciens étaient enclins à défier cet état d’esprit de la nation. 
À peu près au même moment où les passagers du Saint Louis cherchaient un refuge, le projet de loi Wagner-Rogers, qui aurait permis l'admission de 20 000 enfants juifs d'Allemagne en deçà du quota existant, se vit enterré dans une commission. 

Le président américain Roosevelt resta silencieux à propos de ce projet de loi Wagner-Rogers et de l'admission des passagers du Saint Louis

Après le refus du gouvernement américain de permettre aux passagers de débarquer, le Saint Louis retourna en Europe le 6 juin 1939. 

Des organisations juives (et plus particulièrement le JDC) négocièrent avec des gouvernements européens pour permettre aux passagers d’être accueillis par la Grande-Bretagne, les Pays-Bas, la Belgique et la France. 

Beaucoup des passagers revenus en Europe continentale se retrouvèrent plus tard sous la botte nazie.

lundi 16 mai 2016

Turco, portoghese, italiano...8 parole intraducibili

 

Solo 8 parole intraducibili? Certamente no ! Ce ne sono molto di più !

Nel mondo vengono parlate più di 6000 lingue, e con ciascuna di esse è possibile descrivere sentimenti, situazioni, oggetti e gesti della vita quotidiana con differenti prospettive per interpretare il mondo...  
E' dunque normale imbattersi in parole che non esistono in nessuna altra lingua. 

Queste gemme linguistiche possono essere spiegate, ma non possono essere tradotte direttamente.

Le parole intraducibili mettono in evidenza le differenze presenti all’interno dell’etnosfera umana. 

La cultura, i gusti , le abitudini, i cibi sono alcuni dei fattori che spingono ogni lingua ad inventarsi parole specifiche e, appunto, uniche, al fine di descrivere e definire qualcosa di unico e di particolare...



 

abbiocco (italiano)

sostantivo: sonnolenza che segue un lauto pasto
Cominciamo con la nostra lingua: non è una sorpresa che la prima parola intraducibile sia legata in qualche modo al cibo. Non c’è bisogno di essere italiani per averlo sperimentato: la tipica sonnolenza che segue una bella mangiata è nota a tutti, ovunque nel mondo. Eppure solo gli italiani hanno coniato una parola per questo "stato dell’esistenza".

desenrascanço (portoghese)

sostantivo: la capacità d’improvvisare una soluzione velocemente
"Desenrascanço" è la condizione esistenziale del procrastinatore, che agisce solo quando proprio non può farne a meno. Richiede però una certa genialità: non solo significa risolvere una situazione all’ultimo minuto, ma anche riuscirci in maniera completamente improvvisata. Il rappresentante più famoso di questa categoria è MacGyver, che in ogni puntata della serie omonima usciva indenne da pericoli mortali utilizzando solo una graffetta e una gomma da masticare.

hyggelig (danese)

aggettivo: comodo, accogliente, intimo
Cercate una parola che unisca tutto ciò che è accogliente, sicuro, amichevole, comodo e confortevole? I danesi ce l’hanno! Si tratta di hyggelig, una parola talmente utilizzata nella vita quotidiana che alcuni la considerano parte del carattere nazionale danese.

sobremesa (spagnolo)

sostantivo: conversazione al tavolo dopo pranzo
Gli spagnoli amano i grandi pranzi conviviali, ma, come ben sappiamo noi italiani, mangiare non è solo una questione di nutrimento. Se dopo pranzo vi piace rimanere seduti a tavola per chiaccherare con gli amici o i famigliari, sappiate che vi state gustando una sobremesa".

utepils (norvegese)

sostantivo: una birra bevuta all’aria aperta
Prima di poter godere di una luminosissima ma breve estate, i norvegesi devono sopportare un lungo, buio inverno. Di conseguenza una birra da bere fuori, all’aria aperta, magari lasciandosi baciare da un raggio di sole, diventa subito molto più di una semplice birra.

verschlimmbessern (tedesco)

verbo: peggiorare una situazione cercando di migliorarla
L’abbiamo fatto tutti almeno una volta: provi a mettere a posto un piccolo problema e facendolo combini un disastro. Magari hai provato a riparare una ruota della bici a terra e adesso non gira neanche più? Oppure hai reinstallato Windows sul tuo computer e adesso non riesci nemmeno ad accenderlo? E stendiamo un velo pietoso su quel taglio di capelli un po’ storto che hai provato a mettere a posto da solo…

yakamoz (turco) e mångata (svedese)

sostantivo: il riflesso della luna sull’acqua
Non importa quale lingua parli, di sicuro ti è capitato di ammirare il riflesso della luna sulla superficie dell’acqua, che sia quella del mare, di un lago o anche solo una pozzanghera. Però, a meno che tu non sia turco o svedese, è impossibile descrivere questa bellezza con una sola parola. In svedese, "mångata" significa letteralmente "strada di luna", un’immagine molto poetica.
Il turco offre una parola specifica per questo: "gümüşservi". In realtà non è un termine molto usato nel linguaggio colloquiale; per riferirsi a questo tipo di riflesso è molto più comune utilizzare la parola "yakamoz", che indica qualunque riflesso luminoso sull’acqua, ma anche il bagliore fosforescente di un pesce.

dimanche 15 mai 2016

Ridiamo un po' con gli italiani all'estero..



Da poco ho scoperto una pagina Facebook che mi fa morire dal ridere
 Improbabili (domande di) italiani all’estero

Noi italiani siamo certamente un popolo speciale e straordinario ma a volte talmente disarmante..
La pagina raccoglie il meglio e il peggio dei nostri connazionali all'estero.

«Le domande più gettonate sono «Perché qui non trovo i biscotti del Mulino Bianco?», oppure 

«Dove posso fare colazione all’italiana?», o ancora, e questo sembra essere un problema molto sentito dai nostri connazionali, «Ma perché questi stranieri non hanno il bidet?». 

C’è il neo abitante di Londra che domanda se può chiedere al datore di lavoro di essere pagato in euro e non in sterline «perché faccio ancora un po’ di fatica con il cambio». 

C’è chi chiede qualche foto di Bruxelles per capire in che tipo di città si sta per trasferire (e la risposta lapidaria di un altro cybernauta è: “Google immagini”).

C’è chi chiede in quale pub di Bristol si può vedere la finale di Amici... 


mercredi 11 mai 2016

L'Avana, Varadero, Trinidad paradisi cubani



Il fascino dell'Avana s’incontra con un’accurata ricostruzione dell’architettura coloniale e con uno sfondo di ricchissimi colori. 
Le sue strade affollate, con edifici del XVIII e XIX secolo sono piene di vita, con le sue Cadillac vintage talmente tipiche e fotogeniche.


Da visitare a piedi almeno un giorno , perché solo cosi si puo'dire di aver visto e vissuto veramente Cuba e i suoi cubani.

Dal quartiere Vedado all’Avana Veja si attraversano le sue viuzze, al di fuori dalle piste turistiche, alzando gli occhi, accorgendosi delle abitazioni senza finestre, incontrando bambini che giocano a calcio con una lattina, e finendo coinvolti in una delle loro tante feste a ritmo di salsa. 

Percorrere il tragitto fuori pista e entrare nello loro povere botteghe a fare acquisti, sorriderere ad un anziano che continua a lavorare caricando di gas gli accendini seduto sul marciapiede… Acquistare una noce di cocco in una bancarella..

A 2 ore dall’Avana, si puo' raggiungere la destinazione mare più conosciuta, Varadero, lunga striscia di sabbia che si estende per 23 km fino a formare una piccola penisola. 

La zona è veramente  turistica, colma di strutture ricettive ma l’abbagliante sabbia bianca, la fresca brezza tropicale e il mare calmo e cristallino, sono lo sfondo perfetto per un vacanza di totale relax. 
E il colmo del relax è di sdraiarsi al sole cubano sorseggiando un Mojito, una vera Pina Colada (niente a che vedere con quella che si fa in Italia) oppure un  Gaurapo, un cocktail rinfrescante a base di zucchero di canna, rum bianco e ghiaccio da far venire l’acquolina in bocca. 


Subito dietro le magnifiche spiagge, l’entroterra offre molte opportunità di escursioni sia dall’Avana che da Varadero.


La parte meridionale dell’isola è stupenda!
Attraversando l’entro terra si possono vedere immense distese di platani, coltivazioni di mango, di tabacco, riserve naturali incredibili. 


Da visitare assolutamente Trinidad, un paesino che sembra essere un museo a cielo aperto. 

Pieno di casette colorate, musica che viene da ogni vicolo, negozietti caratteristici, qui meglio che altrove si può rivivere la magica ed antica atmosfera coloniale dell’isola.



La cucina cubana non ha grandissime tradizioni, i piatti principali sono a base di carne di maiale ( puerco asado o carne de cerdo ) o pollo, accompagnati da riso condito con fagioli neri o rossi, insalate, pomodori, banane fritte e frutta fresca e non dimentichiamoci il “Pescado” il pesce e l’ottima l’aragosta cucinata in tantissimi modi diversi.

L'ottimismo dei cubani, e la loro gioia di vivere, nonostante le grandi difficoltà è una grande lezione di vita per tutti noi !!

mardi 10 mai 2016

Cuba meta dei VIP con Chanel, Fast and Furious 8, Kim Kardashian..e i Rolling Stones !!



Dopo un embargo durato 53 anni Cuba si è aperta al mondo. 

Dopo la riapertura dell'ambasciata americana dell'anno scorso, il concertone dei Rolling Stones, la sfilata di Chanel e di Karl Lagerfeld, Kanye e Kim non potevano mancare a questo appuntamento con la storia.


Con loro c'erano anche le sorelle della reginetta dei reality, Khloe e Kourtney, che si sono fatte immortalare per le strade de l'Avana come comunissime turiste.


Dopo l’approdo della prima nave da crociera Usa nel porto dell’Avana, e a due mesi di distanza dal mega concerto gratuito dei Rolling Stones, un altro simbolo dell’Occidente è sbarcato a Cuba, Chanel ha presentato la sua collezione cruise 2016-17, organizzando non solo la sua prima sfilata di sempre in America Latina, ma segnando anche, e soprattutto, il ritorno della moda e del lusso nell’isola, con tutto il suo carico di significati.

Erano 600 gli ospiti di Karl Lagerfeld a presenziare allo storico evento, con la brasiliana Gisele Bundchen a fare un po’ gli onori della casa-continente con ventaglio e adagiata su una delle celebri auto vintage di Cuba come Alice Dellal; c’era poi Vin Diesel, con gli occhiali da sole in versione turista americano finalmente in vacanza, ma che si trova a Cuba per girare “Fast and Furious- Part Eight”, oltre a Tilda Swinton, Vanessa Paradis, e stelle della musica locale come Gente de Zona e Omara Portuondo.

Ad ammirare la sfilata c’erano anche gli abitanti del quartiere, affacciati ai balconi in canottiera . 
In passerella, toni esotici e baschi un po’ francesi un po’ alla Che Guevara. 


La sfilata si è chiusa con le modelle ballando sui ritmi di una band afro-cubana e chi ha assistito ha raccontato che gli ospiti sono stati poi trasferiti nella settecentesca Piazza della Cattedrale, trasformata per l’occasione nella cornice di un enorme beach party.

«Il mondo finalmente si sta aprendo a Cuba- ha detto Mariela Castro, figlia di Raul, il presidente - Tutti vogliono venire e dare un morso a questo frutto proibito. Tutti vogliono scoprirla, gustarla, esplorarla».