Google+ Followers

dimanche 22 novembre 2009

Tel Aviv : un volto trendy e trasgressivo che ha.. 100 anni




Tel Aviv , Israele, compie cent’anni e mostra con grande orgoglio i cambiamenti che in un secolo di storia l’hanno portata ad essere un luogo trendy e trasgressivo dove le strade sono animate a qualsiasi ora del giorno e della notte

A Tel Aviv si entra in un vortice dove il giorno si fonde con la notte e in un attimo ci si trova a fare jogging alle ore più improbabili per seguire i ritmi dei suoi cittadini.
Fondata nel 1909 da un uomo ambizioso, Theodor Herzl che voleva creare una moderna città-giardino, negli anni Tel Aviv ha sentito gli influssi della scuola Bauhaus che l’ha caratterizzata con case basse e bianche e ha provato sulla sua pelle il dolore della guerra, i bombardamenti, la caduta dei missili che ancora oggi squarciano di luce il buio della notte.
Forse per reazione si è trasformata in un’autentica metropoli cosmopolita, dove tradizione e modernità si incontrano.

La città è Patrimonio dell’Umanità per l’Unesco ed è anche il centro economico e sempre in movimento di Israele.

Si dice che a Tel Aviv la notte si può confondere con il giorno perché il buio non porta le persone a chiudersi in casa, anzi, le strade sono piene di gente ad ogni ora perché la sua vita notturna è intensa e trasgressiva.
Per entrare subito nello spirito della città bisogna iniziare la serata con un drink sulla spiaggia a Giaffa, dove si trova, per esempio, il “Sakaya”, un locale animato da musica dal vivo.

Oppure fermarsi in uno dei tanti locali sul lungomare, tra i migliori sono il “Mike's Place” che propone il miglior burrito della città e il “Buzz Stop”, meta preferita di turisti provenienti da ogni parte del mondo.Il quartiere intorno a Kikar Magen David è frequentato dagli abitanti del luogo che amano sedersi ai tavolini del “Minzar” e del “Betty Ford”.
Alle 22 bisogna spostarsi lungo la Lilienblum Street fare tappa in ogni pub della via.

A mezzanotte l’atmosfera cambia ancora non si è ancora pronti per andare a ballare, ma ci si può ambientare in uno dei bar lungo Rothschild Blvd, come l’“Artemis” che accoglie i suoi ospiti in uno stile art deco.
L’orario giusto per entrare in discoteca è intorno alle 2 e bisogna lasciarsi trasportare dalla musica fino al giorno successivo inoltrato.

Nell’anno del centenario (http://www.tlv100.co.il/EN/Pages/EngHome.aspx), Tel Aviv è ancor più movimentata da eventi e manifestazioni che seguono e si adattano ai ritmi soliti della città.
L’anno delle celebrazioni si conclude il 17 dicembre, appuntamento da non perdere perché in questa data si inaugura nell’antico e maestoso palazzo municipale in Bialik Street il nuovo Museo della Storia di Tel Aviv.
Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo

Aucun commentaire: