Google+ Followers

mercredi 8 avril 2009

Sulle tracce di Raffaello a Urbino


Dal 4 aprile una mostra straordinaria celebra il Maestro rinascimentale.

E il suo amore per il Montefeltro.

Da scoprire fra arte, sapori, spa nel verde


Quando il padre Giovanni Santi, pittore dei duchi e letterato, muore nel 1494, il giovanissimo Raffaello – aveva solo undici anni – eredita una bottega fiorentissima in uno dei centri della cultura rinascimentale, Urbino.

Proprio il rapporto tra il pittore e la sua città natale è il tema della grande esposizione che si apre il 4 aprile nel salone del trono e nell’appartamento della duchessa a Palazzo Ducale, sede della Galleria Nazionale delle Marche.


La raffinata rassegna è l'occasione per riscoprire l’antica capitale del Montefeltro, che restituisce ancora oggi gli spazi in cui si è formato Raffaello.

A cominciare proprio dal Palazzo Ducale, cuore e simbolo della città, fino agli edifici signorili, le chiese, gli oratori che custodiscono straordinari capolavori d’arte.


E l'itinerario può proseguire anche oltre le mura, nel territorio dell'antico Ducato, tra morbide colline, dolci vallate, boschi e piccoli borghi rurali sapientemente ristrutturati e trasformati in templi dell’ospitalità dove è piacevole rilassarsi.

Come l’Urbino Resort Santi Giacomo e Filippo, che in occasione della mostra propone il pacchetto Speciale Raffaello: due notti in doppia b&b, percorso benessere olistico a 200 € a persona. Ospitato in un'azienda agricola di 360 ettari a coltivazione biologica, il resort occupa le vecchie case coloniche, ristrutturate e arredate con pezzi della tradizione ed elementi di design.

Ci sono anche una piccola abbazia di stampo trecentesco e un centro benessere nel vecchio fienile con magnifica vista sulle colline (via San Giacomo in Foglia 7, loc. Pantiere-Urbino, tel. 0722.58.03.05, www.urbinoresort.com, doppia b&b da 144 €).


All’interno della tenuta, ma aperto a tutti, c’è il ristorante San Giacomo di Urbino, tra laghetti e querce secolari dove si gustano le raffinate specialità di Massimo Emiliozzi: tortelli di cardi alla parmigiana, ciabattoni alle canocchie, anice e guanciale croccante (tel. 0722.58.06.46, menu da 40 E).

In città, invece, il ristorante Vecchia Urbino è un indirizzo storico per le ricette locali e gli ingredienti bio.

Da non perdere i tagliolini con guanciale e Pecorino di Fossa, la braciola all’Urbinate (via dei Vasari 3/5, tel. 0722.44.47, menu da 30 €).


La riscoperta degli anni giovanili di Raffaello conduce a Cagli, borgo gioiello dell’Appennino. Nella Chiesa di San Domenico si ammira l’affresco della Cappella Tiranni, recentemente restaurato e considerato il capolavoro di Giovanni Santi, nonché il punto di contatto con la pittura del figlio Raffaello.

Dall’1 al 3 maggio gli splendidi palazzi rinascimentali del centro storico diventeranno il palcoscenico di Distinti Salumi.

Rassegna Nazionale del Salume (tel. 0721.78.07.50), che offrirà degustazioni, laboratori del gusto e il meglio della norcineria italiana e marchigiana, come il lonzetto di fico, il ciauscolo, il prosciutto di Carpegna.

Tutte prelibatezze del territorio, da acquistare nella bottega con enoteca Alimentare (via Leopardi 18, tel. 0721.78.19.50). Nelle vicinanze, ottima carne alla brace alla Taverna della Rocca, nelle ex stalle del castello di Frontone, con vista spettacolare sulla vallata (via Leopardi 20, tel. 0721.78.62.18, menu da 25 e).

Per la notte ci si rifugia ai 2 Campanili Relais, a Montemaggiore al Metauro. Anche qui, in occasione della mostra, si può approfittare del pacchetto Raffaello: 2 notti in mezza pensione e ingresso a Palazzo Ducale, da 200 € a persona.

Aucun commentaire: